Integratori alimentari a base di erbe …

Integratori alimentari a base di erbe ...

Astratto

sfondo

metodi

risultati

Un totale di 24 studi che hanno indagato cinque diverse monoterapie CAM e otto diversi trattamenti di combinazione e hanno coinvolto 2619 partecipanti hanno incontrato i criteri di inclusione e sono stati analizzati. Ci sono stati 21 studi randomizzati controllati e tre in aperto, studi osservazionali non controllati. La maggior parte degli studi hanno coinvolto pazienti che erano stati diagnosticati con o un disturbo d’ansia o depressione (n = 1786). Tuttavia, otto studi utilizzati volontari sani (n = 877) che aveva normali livelli di ansia, sono stati sottoposti a intervento chirurgico, testato al limite superiore del range di normalità di una scala di ansia di tratto, aveva sintomi premestruali avverse o erano peri-menopausa, ha riferito l’ansia e l’insonnia, o ha avuto un mese o più di elevata ansia generalizzato. L’eterogeneità e il piccolo numero di studi per ogni supplemento terapia o la combinazione impedito formale meta-analisi. Dei studi randomizzati controllati recensiti, 71% (15 su 21) ha mostrato una direzione positiva di prove. Eventuali effetti collaterali riportati sono stati da lieve a moderata.

Conclusioni

Sulla base delle prove disponibili, sembra che la supplementazione nutrizionale e di erbe è un metodo efficace per il trattamento di ansia e condizioni di ansia legati senza il rischio di gravi effetti collaterali. Vi è la possibilità che gli effetti positivi osservati potrebbero essere dovute ad un effetto placebo, che può avere un notevole impatto psicologico sui partecipanti con disturbi mentali. Tuttavia, sulla base di questa revisione sistematica, esiste una forte evidenza per l’uso di integratori a base di erbe che contengono estratti di passiflora e kava e combinazioni di L-lisina e L-arginina come i trattamenti per i sintomi di ansia e disturbi. integratori contenenti magnesio e altre combinazioni di erbe possono tenere promessa, ma sono necessarie ulteriori ricerche prima che questi prodotti possono essere raccomandato per i pazienti. Erba di monoterapia di San Giovanni ha prove sufficienti per l’uso come un trattamento efficace ansiolitico.

sfondo

I disturbi mentali peste milioni di persone in tutto il mondo. Depressione e ansia sono due dei più comuni disturbi mentali, che colpisce quasi 55 milioni di persone negli Stati Uniti da soli [1]. La complessità del sistema nervoso centrale fare diagnosi, il trattamento e miglioramento di queste malattie debilitanti eccezionalmente difficile. Avanzamento in queste zone sarebbe prezioso contributo nel tentativo di ridurre l’impatto globale delle condizioni di ansia-based. L’universalità di rimedi erboristici in molte culture loro un trattamento appropriato per esplorare fa.

Fino ad oggi, le spiegazioni biologiche per molti tipi di disturbi d’ansia restano inadeguate. Postulati hanno implicato una disregolazione di neurotrasmettitori specifici come la serotonina, la dopamina e l’acido gamma-aminobutirrico (GABA) come potenziali cause di depressione e disturbi d’ansia [4 – 6]. Queste ipotesi si basano sui risultati dei trattamenti farmacologici, ma non ci sono prove cliniche definitive che dimostrano la disregolazione di questi neurotrasmettitori come fattori causali di ansia, potenzialmente spiegare perché il trattamento di ansia con antidepressivi è spesso inefficace. Finora, la terapia cognitivo-comportamentale (CBT) ha dimostrato di essere il trattamento più efficace a lungo termine per i disturbi d’ansia legati [7].

Con la prevalenza una tantum dei disturbi d’ansia che raggiungono il 16,6% a livello mondiale [8], grandi passi avanti sono stati fatti con la ricerca in corso sulle sue cause e trattamenti. In aggiunta agli antidepressivi, gli inibitori specifici della ricaptazione della serotonina (SSRI) e le benzodiazepine sono anche stati prescritti a pazienti affetti da GAD [9. 10]. Tuttavia, anche se spesso efficace, entrambe queste classi di farmaci sono dotati di molti effetti collaterali indesiderati come ideazione suicidaria, diminuzione della vigilanza, disfunzioni sessuali e dipendenza [11 – 16]. Inoltre, i costi di questi farmaci pongono problemi ai pazienti che ne deve prendere su una base quotidiana a lungo termine

Come risultato, vi è stato un crescente interesse nell’uso di farmaci complementari e alternative (CAM) come metodo naturale per trattare numerosi tipi di ansia. Erbe come passiflora, kava, iperico e radice di valeriana, così come l’aminoacido lisina e magnesio cationico, sono stati utilizzati per secoli in medicina popolare e tradizionale per calmare la mente e migliorare positivamente l’umore. Tuttavia, l’efficacia e la sicurezza di utilizzare CAM per trattare l’ansia, sia come un sintomo e come un disturbo, è appena iniziato ad essere rigorosamente testato in studi clinici nel corso degli ultimi 10 o 15 anni [17 – 19].

Un numero di recensioni di efficacia clinica dei trattamenti a base di erbe e nutrienti per la depressione, disturbi d’ansia e disturbi del sonno sono stati pubblicati negli ultimi dieci anni [19-25]. Questi hanno esaminato i dati associati a una serie di trattamenti, tra cui erba di San Giovanni, S-adenosil-metionina (SAM-e), vitamine del gruppo B, inositolo, colina, kava, gli acidi grassi omega-3 / estratti di pesce, valeriana, lavanda, melatonina, passiflora, papalina, luppolo, melissa, cohosh nero, ginkgo biloba, estratti di corteccia di Magnolia e Phellondendron, acido gamma-aminobutirrico (GABA), teanina, triptofano e 5-idrossitriptofano (5-HTP). Tuttavia, nessuno di questi studi è stato condotto in modo sistematico.

L’obiettivo di questo lavoro è quello di rivedere sistematicamente e riassumere la letteratura disponibile sui rimedi erboristici e integratori alimentari per il trattamento di ansia e sintomi correlati al fine di aiutare i professionisti della salute mentale nel consigliare i loro pazienti e fornire indicazioni per la ricerca futura in questo campo.

metodi

strategia di ricerca

banche dati MEDLINE / PubMed e EBSCO sono stati cercati senza riguardo per data di pubblicazione, utilizzando i termini di ricerca "terapie alternative," "supplemento di erbe" e le singole erbe e integratori nomi da fonti popolari, ogni incrociati con il termine "ansia." Inoltre, le pubblicazioni chiave sono state a mano cercati per i riferimenti. [Per una qualità delle relazioni di meta-analisi (QUOROM) dichiarazione checklist Vedere file aggiuntive 1.]

Criteri di selezione

La ricerca è stata ristretta alle erbe e integratori che hanno agito come agenti ansiolitici e cui effetti sono stati misurati sia attraverso scale di valutazione quantitativa o self-report. Gli studi anche dovuto essere pubblicato in inglese, condotta con soggetti umani, hanno una dimensione del campione superiore a 10, utilizzare un intero estratto della pianta (se applicabile) e dati di dettaglio in modo chiaro. Sono stati esclusi gli studi di caso, articoli di revisione, meta-analisi, prove di sicurezza e gli studi che hanno tentato di collegare carenze vitaminiche e minerali per la presenza o assenza di sintomi di ansia, così come lo erano gli studi negli animali. Studi di parametri di ansia in volontari sani sono stati esaminati anche per fornire prove a sostegno.

astrazione dati e sintesi dei risultati

40 pazienti ambulatoriali adulti con non-psicotica nervoso ansia, tensione e irrequietezza, compromettendo le prestazioni di lavoro, attività sociali e relazioni normali 2

Significativa riduzione dell’ansia (HAMA, Bf-S, EAAS, CGI) nel gruppo trattato con kava.

HAMA: Hamilton Anxiety Scale; CGI: Impressione clinica globale; SCL-90-R-ANX: Self-Report Sintomo Inventory-90 articoli revisionati, punteggio parziale ansia somatica; AMS: Aggettivo Mood scala; KL: kavalattoni (KL); BF-s: Befindlichkeitsskala [soggettivo punteggio benessere]; EAAS: Erlanger ansia, tensione e Aggression Scale; DSM-IV: manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali, quarta edizione; GAD: disturbo d’ansia generalizzato; BAI: Beck Anxiety Inventory; BDI-II: Beck Depression Inventory-II; NADRS: Montgomery-Asberg Depression Rating Scale; MDD: disturbo depressivo maggiore; SARA: autovalutazione dei Resilienza e ansia; HADS: Hospital Anxiety and Depression Scale.

* Nessun testo completo disponibile.

1. I criteri del DSM-III-R: agorafobia, fobia specifica, disturbo d’ansia generalizzato e disturbo di regolazione con ansia.

2. La diagnosi di agorafobia (300,22), semplice (300,29) o fobia sociale (300,23), disturbi d’ansia generalizzati (300.02) o disturbi di adattamento (309.24) secondo il DSM-III-R.

3. Secondo la sezione Risultati, "Trentotto soggetti sono stati randomizzati, di cui 31 di sesso femminile (82%) e 32 partecipanti caucasici (97%). Tre soggetti hanno ritirato il loro consenso in seguito alla visita basale. e non tornare per ulteriori valutazioni, lasciando 35 soggetti del campione valutabili;" tuttavia, l’Estratto afferma: "Trentasette adulti con DSM-IV GAD sono stati assegnati in modo casuale a. trattamento."

4. analisi post-hoc: kava è stata superiore in condizioni di scarsa ansia (SARA) e placebo è stata superiore in alto di ansia (HADS; SARA)

5. Lievi aumenti nei livelli di transaminasi al di sopra del limite superiore del valore normale sono stati riportati in tutti e tre i gruppi.

6. DSM-III-R diagnosi 300,02, 300,22, 300,23, 300,29 o 309,24.

7. I punteggi di almeno 0,5 deviazioni standard sopra la media su STAI-Stato.

8. standardizzato a 990 mg di ipericina, e 1500 mg di glicosidi flavoni.

9. standardizzato a 50 mg di kavalattoni.

Le prove di collaudo erba di San Giovanni

Nessuna tossicità epatica

DSM-IV: manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali, quarta edizione; Y-BOCS: Yale-Brown ossessivo-compulsivo Scala; OCD: disturbo ossessivo-compulsivo; GAD: disturbo d’ansia generalizzato; SJW: erba di San Giovanni; SCL-90-R-ANX: Self-Report Sintomo Inventory-90 articoli revisionati, punteggio parziale ansia somatica; HAMA: Hamilton Anxiety Scale; ICD-10; Classificazione internazionale delle malattie; LSAS: Liebowitz Social Anxiety Scale; HAMA-SOM: Hamilton Anxiety Scale, punteggio parziale ansia somatica; CGI: Impressione clinica globale; HAMA-PSY: Hamilton Anxiety Scale, punteggio parziale ansia psichica; HAMA-T: Hamilton Anxiety Scale, punteggio totale; HDS: Hamilton Depression Scale; SCL-90-R: Self-Report Sintomo Inventory-90 articoli rivisti; PGI-I: paziente impressioni globali di miglioramento; CGI-I: Impressione clinica globale di miglioramento; CGI-S: Impressione clinica globale di gravità.

1. osservazione clinico [caso 1], SCL-90-R [Caso 2]; autovalutazione, HAMA [Caso 3].

5. Euvegal Balance tablet; droga estratto-rapporto di 3-6: 1.

6. Neuroplant tablet; droga estratto-rapporto di 2,5-5: 1.

7. tablet Euvegal Balance.

8. Drug / rapporto di estratto di 3-6: 1.

9. Ad eccezione di agitazione che era superiore con iperico.

10. standardizzato a 990 mg di ipericina, e 1500 mg di glicosidi flavoni.

11. standardizzato a 50 mg di kavalattoni.

Prove test lisina

GHQ-28: generale Health Questionnaire; HADS: Hospital Anxiety and Depression Scale; PSS: percepito stress Scala; DMS-II-R: manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali, terza edizione riveduta; HAMA: Hamilton Anxiety Scale; HAMA-SOM: Hamilton Anxiety Scale, punteggio parziale ansia somatica; HAMA-T: Hamilton Anxiety Scale, punteggio totale (HAMA-T

1. multivitaminico contenente vitamina B1 (15 mg), B2 (15 mg), niacina (50 mg), acido pantotenico (23 mg), B6 ​​(10 mg), biotina (150 mcg), acido folico (400 mcg), B12 (10 mcg), C (500 mg), calcio (100 mg), magnesio (100 mg), zinco (10 mg).

2. Totale HAMA punteggio tra 16 e 28.

Mal di testa, rigidità muscolare, insonnia, sonnolenza, l’indifferenza, l’ansia, palpitazioni, nausea (4), gastralgia, diarrea, senso di pesantezza gastrica, disuria, dolori renali coliche, mattina lentezza (3), astenia.

risultati e discussione

Flusso di studi inclusi

ricerche elettroniche trovato 106 documenti che erano potenzialmente rilevante per la presente revisione sistematica. Di questi, 24 soddisfacevano i criteri di inclusione / esclusione (si veda la Figura 1 per un diagramma di flusso). Dei 82 che non soddisfa i criteri, 21 sono stati esclusi dalla revisione principale perché non erano ricerca originale (ad esempio recensioni o meta-analisi) o sono stati casi di studio, 14 non indagare il supplemento come un’analisi trattamento (ad esempio la sicurezza, valutazioni farmacologiche, studio di carenze nutrizionali), 32 non hanno utilizzato soggetti umani, e 15 sono stati pubblicati in una lingua diversa dall’inglese. Alcuni dei documenti esclusi elencati come recensioni sono citati nei precedenti e discussione sezioni di questo manoscritto. Documenti che erano principalmente discussioni su temi filosofici ed etici non sono stati rivisti a tutti.

Diagramma di flusso di studi inclusi .

caratteristiche di studio

Un totale di 24 studi sono stati trovati in grado di soddisfare i requisiti di cui sopra. Questi studi hanno esaminato l’efficacia di cinque monoterapie (passiflora, lisina, magnesio, kava e iperico) e otto trattamenti di combinazione (una combinazione di erbe, multivitaminico, L-lisina + L-arginina, magnesio + vitamina B6. a base di erbe combinazione + magnesio, calcio + kava, erba di + kava di San Giovanni, iperico + valeriana). Di questi studi, 13 sono stati randomizzati studi clinici controllati in pazienti ambulatoriali con un disturbo DSM-IV-diagnosticato, e tre sono stati randomizzati studi clinici controllati in pazienti con altri tipi di ansia (perimenopausa, mestruale, e pre-chirurgia). Cinque studi sono stati fatti in volontari sani, di cui tre reclutati volontari sani con livelli elevati del normale di ansia. In aggiunta, ci sono stati tre studi osservazionali non controllati.

Nel complesso, 2619 partecipanti di età compresa tra 18 e 82 tra preso parte a questi studi. Ventotto per cento erano di sesso maschile, il 63% erano donne e il 9% non ha avuto il loro genere riportato (Tabella 1). Razza / gara, anche se un importante fattore demografico, non è stata riportata nel 72% dei pazienti. Come risultato, è difficile trarre conclusioni globali dai risultati perché questi fattori possono influenzare significativamente il potenziale di erbe per il trattamento di malattie di ansia.

Alcune culture hanno una maggiore preferenza per la medicina naturale che la medicina moderna, e quindi è probabile che esporrà i risultati positivi verso di essa. Perché la cultura, il sesso e l’età sono potenziali variabili confondenti, gli sforzi dovrebbero essere fatti per controllare per loro in studi futuri.

erbe medicinali

Fiore della passione

Gli effetti ansiolitici di passiflora sono ben documentati nei topi [30. 31]. Tuttavia, uno dei problemi con i supplementi di erbe è che il materiale vegetale contiene migliaia di sostanze fitochimiche, che lo rende difficile da individuare le sostanze biochimiche specifiche responsabili delle proprietà ansiolitiche. In altre parole, anche se rimedi erboristici spesso producono risultati positivi, individuando i principi attivi può essere difficile. Pertanto, gli utenti di rimedi erboristici possono essere lunga sostanze inefficaci o possibilmente tossici oltre agli ingredienti attivi ansiolitici. Fino ad oggi, tre studi umani hanno documentato l’efficacia di passiflora come trattamento per disturbi d’ansia legati [32 – 34].

Uno studio in doppio cieco, controllato con placebo ha analizzato la differenza di efficacia tra oxazepam, una benzodiazepina prescrizione usato per trattare i sintomi di ansia cronica, e passiflora in pazienti (n = 36) che hanno incontrato i criteri per GAD [32]. I risultati hanno mostrato alcuna differenza tra i due ansiolitici per quanto riguarda il trattamento di GAD, suggerendo che passiflora è efficace come benzodiazepine a eliminare i sintomi di ansia. I soggetti del gruppo passiflora anche riferito inferiore prestazioni insufficienza di lavoro rispetto a quelli del gruppo delle benzodiazepine; tuttavia, soggetti nel gruppo delle benzodiazepine riportato una più rapida insorgenza di sollievo dai sintomi.

Questo effetto ansiolitico è stato visto anche in altri due sottogruppi di pazienti: quelli sottoposti a chirurgia (n = 60) che sono stati trattati con passiflora monoterapia [33], e quelli con diagnosi di disturbo dell’adattamento con umore ansioso (n = 182) che sono stati trattati con passiflora in combinazione con Crataegus oxyacantha. Ballota foetida. Valeriana officinalis. Cola nitida e Paullinia cupana [34].

eventi avversi lievi sono stati riportati in un solo studio, tra cui vertigini, sonnolenza e confusione [32]. Questa prova preliminare suggerisce che passiflora può avere un ruolo nel trattamento di ansia e garantisce la ricerca futura.

kava

Tuttavia, quattro RCT hanno dimostrato che da solo o in combinazione con iperico kava non è più efficace del placebo nel ridurre i sintomi di ansia [50 – 53]. Due di questi studi hanno mostrato alcuna differenza significativa tra il trattamento kava e placebo [51. 53], mentre uno ha scoperto che il placebo era in realtà meglio nel ridurre i sintomi di ansia nei pazienti con più alti punteggi di ansia basale [52]. Secondo i ricercatori, questo avrebbe potuto essere in parte dovuto alla popolazione dello studio. In questo studio, i pazienti sono stati attivamente alla ricerca di trattamenti alternativi per il loro GAD e sono stati, quindi, molto motivati ​​per il trattamento kava per produrre un effetto. Questo a sua volta potrebbe avere influenzato la loro risposta al trattamento e ha portato ad un aumento dell’effetto placebo. E ‘importante notare che la dimensione del campione di questo studio era molto piccola.

L’ultima prova negativa [50] è stato classificato sulla base del fatto che non è riuscito a raggiungere il suo endpoint primario – una significativa riduzione dell’ansia sulla base del Anxiety Scale Zung dalla memoria. Tuttavia, un’analisi esplorativa della varianza attraverso le differenze tra fine trattamento e basale, con il centro di trattamento come un secondo fattore, ha mostrato superiorità del kava rispetto al placebo. Secondo i ricercatori, questo scostamento tra i centri non mettere in pericolo la validità dei loro risultati; tuttavia, lo ha fatto rinforzare l’importanza di standardizzare feedback attraverso i centri che partecipano a studi multicentrici.

Dei 435 partecipanti alla sperimentazione clinica l’assunzione di integratori di kava nella nostra recensione, alcuni a dosi elevate, non sono stati segnalati problemi di fegato. Pertanto, l’attuale revisione supporta la conclusione che la tossicità epatica è davvero un raro effetto collaterale.

Erba di San Giovanni

Hypericum perforatum. o erba di San Giovanni (iperico), è derivata dalle sommità fiorite di un arbusto perenne. E ‘stato utilizzato nella medicina tradizionale per secoli per trattare una vasta gamma di disturbi ed è autorizzato in Germania per trattare l’ansia, depressione e disturbi del sonno [56]. Numerose sono le ipotesi per i suoi effetti ansiolitici basati sulla affinità di legame di almeno 10 diversi estratti, compresi naphthodianthrones come ipericine, flavonoidi, xantoni, e bioflavonoidi, per adenosina, GABAUN. GABAB e recettori glutammina, così come l’inibizione della monoamino ossidasi-A e -B attività e uptake sinaptosomi di serotonina, dopamina e noradrenalina (norepinefrina) [57]. Di questi ingredienti attivi, ipericina è stata studiata più, e la quantità presente è generalmente utilizzato per standardizzare estratti.

SJW è probabilmente più riconosciuto per il suo utilizzo in depressione. Una meta-analisi pubblicata nel 1996, ha dimostrato che l’iperico è stato più efficace del placebo nel trattamento della depressione lieve e moderata clinica [56]. Sulla base delle raccomandazioni dell’autore, i ricercatori hanno iniziato confrontando il profilo di efficacia e sicurezza di SJW contro altri antidepressivi prescritti di routine. Uno studio condotto in Germania ha concluso che Iperico è stato efficace come l’imipramina nel trattamento della depressione lieve e moderata (n = 324) [58].

La depressione è stata associata ad ansia, con molti sintomi, attacchi di panico, ad esempio, la sovrapposizione tra i due disturbi. Poco si sa circa le ragioni specifiche per il collegamento nelle condizioni; tuttavia, ci possono essere alto come una sovrapposizione 85% con le diagnosi e le molte opzioni di trattamento convenzionali sono prescritti per entrambi i disturbi. C’è stato poco studio sull’efficacia di SJW nel trattamento dei disturbi d’ansia in particolare, con solo quattro RCT [51. 59 – 61] e due studi osservazionali non controllati [62. 63].

Questi studi pubblicati hanno presentato risultati contraddittori. Un piccolo di 12 settimane studio osservazionale (n = 13) dei pazienti con disturbo ossessivo compulsivo ha mostrato che Iperico ha causato significativi miglioramenti, con risultati paragonabili a quelli osservati negli studi clinici con gli SSRI [63]. Tuttavia, una più grande di 12 settimane RCT (n = 60) non ha mostrato alcuna differenza significativa tra i pazienti trattati con iperico (a dosi maggiori rispetto allo studio osservazionale) o quelli trattati con placebo [59]. Sulla base di studi precedenti, OCD ha uno dei più bassi tassi di risposta al placebo di tutti i disturbi d’ansia [64]. Per questo motivo, questi risultati negativi erano probabilmente a causa della mancanza di risposta al trattamento SJW piuttosto che i tassi di risposta al placebo alti osservato negli studi kava negativi [59].

Una seconda serie di RCT ha studiato l’uso di trattamenti combinati Erba di San Giovanni per la depressione con ansia co-morbidità. Una combinazione di iperico e valeriana è stato trovato per ridurre in modo significativo i sintomi del disturbo d’ansia; tuttavia, una maggiore riduzione sono stati osservati con dosi più elevate di valeriana (dosi Erba di San Giovanni è rimasto costante tra i gruppi di trattamento), suggerendo che la valeriana ha più di un effetto sui sintomi [62]. Una combinazione di iperico e kava ha dimostrato di avere effetti significativi sulla ansia [51].

Infine, un RCT di 149 pazienti con depressione con ansia co-morbidità, OCD e disturbo di somatizzazione ha dimostrato che sei settimane di trattamento con iperico significativamente l’ansia [61] ridotti. Tuttavia, un RCT di 40 pazienti con diagnosi di disturbo d’ansia sociale generalizzata scoperto che Iperico non era più efficace del placebo nel ridurre i sintomi di ansia [60]. Nella discussione di questo studio, i ricercatori hanno dichiarato che un processo negativo è stato condotto, ma hanno ipotizzato che i livelli minimi di gravità possono essere necessari per SJW per essere efficace in questa popolazione di pazienti [60].

Più ricerca deve essere fatto utilizzando SJW in tutte le indicazioni presentate in questa revisione, al fine di determinare la sua efficacia. Tuttavia, i risultati indicano un potenziale agente ansiolitico con un profilo di effetti collaterali simile al placebo. Tutti gli effetti indesiderati riportati negli studi recensiti erano da lieve a moderata, e il più delle volte i casi di disturbi gastrointestinali, vertigini, disturbi del sonno e mal di testa.

Supplementi nutrizionali

lisina

Da tempo è stato postulato che la disregolazione di neurotrasmettitori può essere un motivo di ansia. Questi neurotrasmettitori sono GABA, serotonina, dopamina e noradrenalina [4-6]. Gli aminoacidi come L-tirosina e L-triptofano sono noti precursori specifici neurotrasmettitori. Recenti studi su animali hanno identificato altri due amminoacidi, L-lisina e L-arginina [65. 66], che possono influenzare neurotrasmettitori coinvolti nello stress e l’ansia. L-lisina è stato dimostrato di agire come recettore della serotonina parziale 4 (5-HT4 ) Antagonista, diminuendo la risposta del cervello-intestino per lo stress e diminuendo i livelli di cortisolo nel sangue [65]. Sulla base dei risultati di studi su animali, due studi controllati con placebo sono stati condotti per analizzare gli effetti di supplementi di L-lisina contenenti negli esseri umani [67. 68].

Il primo di questi studi clinici è stato condotto in volontari sani di sesso maschile che erano affetti da alta tratto di ansia sulla base di un questionario STAI [67]. I risultati di questo studio hanno mostrato che la L-lisina e L-arginina integratori combinazione migliore capacità dei partecipanti di gestire lo stress indotto attraverso un aumento del cortisolo, mentre il placebo ha avuto alcun miglioramento riportato sintomi di ansia. Nella discussione, i ricercatori hanno attribuito l’aumento di cortisolo a un precedente deficit di regolamentazione ormone dello stress. Un rapporto precedente indica che nei momenti di stress indotto, un aumento dei livelli di cortisolo, che è la reazione tipica nelle persone sane, non aumenta nelle persone con-tratto ansia [69]. Questa disregolazione di cortisolo può portare a sentimenti di ansia aumentata quando lo stress è indotta.

Magnesio

Il magnesio è un ione positivo, un catione, che è coinvolto in molte importanti funzioni molecolari nel corpo ed è stato collegato a disturbi d’ansia legati [70 – 74]. Fino ad oggi, tre sperimentazione umana sono stati condotti che testare gli effetti anti-ansia di una maggiore assunzione di magnesio in terapie combinate [75 – 77], e tutti hanno mostrato una direzione positiva di prove.

Nel primo studio, i trattamenti di 28 giorni con un multivitaminico che conteneva grandi quantità di magnesio, zinco e calcio sono diminuiti drasticamente disagio psicologico (in base al GHQ-28) rispetto al placebo, che è peggiorata sintomi [75]. I risultati delle HADS anche mostrato una diminuzione dell’ansia per il gruppo di trattamento. Gli effetti sono diventati più pronunciati come il trattamento multivitaminico progredito, ma non potrebbe essere collegato unicamente alla supplementazione di magnesio.

Un secondo studio pubblicato nel 2000 ha esaminato gli effetti del magnesio e vitamina B6 supplementazione su ansia premenstruation legati [76]. Le donne sono state date 1) di magnesio, 2) B6. 3) di magnesio + B6. e 4) un placebo per quattro cicli mestruali, rispettivamente. L’assunzione media di magnesio per questo studio è stato di circa 300 mg al giorno. Le donne è stato chiesto di tenere un registro dei loro sintomi e di classificarli in sei gruppi: ansia, desiderio, la depressione, l’idratazione, altri, e totale. I risultati hanno mostrato che la combinazione di magnesio e B6 ha creato un effetto sinergico che ha fornito le donne con la più grande sollievo da ansia premestruale. Tuttavia, magnesio monoterapia ha dimostrato di fornire risultati simili al placebo.

Il terzo studio clinico è stato condotto nel 2004 e ha studiato gli effetti di tre composti in combinazione, compreso il magnesio, rispetto al placebo in pazienti con diagnosi di GAD (n = 264) [77]. I ricercatori hanno scoperto che sia l’integratore contenente magnesio e il placebo drasticamente diminuito i sistemi basati su ansia HAMA, una valutazione personale, e la valutazione di un medico, accennando a un potenziale effetto placebo per questo trattamento. Inoltre, a causa del fatto che uno degli estratti vegetali contenuti nel preparato è strettamente legato alla papavero, questi effetti possono non essere dovuti all’azione del magnesio.

Sebbene l’esatto meccanismo deve ancora essere determinata, appare la supplementazione di magnesio è efficace nel trattamento di disturbi d’ansia e disturbi d’ansia legati quando usato in combinazione con altre vitamine, minerali ed estratti di erbe. Tuttavia, più ricerca di monoterapia di magnesio ed è necessaria la sua farmacologia per determinare se il magnesio si possiede caratteristiche ansiolitici. Nel complesso, la letteratura disponibile mostra che gli integratori contenenti magnesio sono generalmente ben tollerato con pochi effetti collaterali segnalati.

Conclusioni

Disturbi d’ansia sono uno dei molti disturbi psicologici comuni. I rimedi naturali sono stati utilizzati per secoli in molte culture per alleviare l’ansia e dei suoi sintomi con sorprendente efficacia. Nelle culture occidentali, tuttavia, la ricerca che dimostra l’utilità di erbe medicinali e sostanze naturali è iniziato solo a guadagnare slancio nel corso degli ultimi decenni. Inoltre, l’assenza di linee guida corretta che disciplinano la produzione e l’uso di vitamine, minerali, aminoacidi e le erbe per scopi medicinali è anche causando la prescrizione clinica di questi trattamenti naturali a restare indietro negli Stati Uniti.

Dei RCT recensione in questo rapporto, il 71% (15 su 21) ha mostrato una direzione positiva di prove, e gli eventuali effetti collaterali segnalati sono stati lievi o moderati. Sulla base di questi dati, sembra che supplementi nutrizionali e di erbe sono metodi efficaci per il trattamento di ansia e condizioni di ansia connessi senza il rischio di gravi effetti collaterali. Tuttavia, l’efficacia di ciascuna delle combinazioni e monoterapie recensiti non è stata motivata con la stessa intensità.

Passiflora è stato studiato in tre diversi studi randomizzati, due volte come monoterapia e una volta come parte di una combinazione di erbe. Tutti e tre questi studi hanno mostrato un effetto positivo per il trattamento con passiflora, fornendo una buona prova della sua efficacia come agente ansiolitico. Tuttavia, dal momento che ciascuno di questi studi è stato condotto in un tipo di paziente diverso, sono necessarie ulteriori ricerche per dimostrare la sua efficacia in ogni indicazione.

Kava è l’integratore più ricercato in questa recensione con 11 diversi studi (10 RCT e una osservazione). Dei RCT di kava in monoterapia, il 63% (5/8) ha mostrato di trattamento ha ridotto significativamente i sintomi di ansia in una varietà di tipi di pazienti. Ciò fornisce una buona prova per l’uso di kava in pazienti con GAD, ansia non psicotica e altri disturbi d’ansia legati.

L’evidenza di Erba di San Giovanni è stato mescolato, con il 50% (3/6) degli studi che hanno risultati positivi. Tuttavia, il fatto che solo 1 dei 4 RCT avevano una direzione positiva delle prove e che il trattamento attivo in questo processo è stato una combinazione di iperico e valeriana suggerisce che Iperico monoterapia non dovrebbe essere raccomandato per i pazienti che soffrono di disturbi d’ansia o altri ansia condizioni -related.

Per tutti e tre i supplementi di erbe recensiti, più ricerca deve essere fatto per stabilire il dosaggio più efficace e per determinare se questo varia tra i diversi tipi di ansia o disturbi d’ansia legati. Inoltre, come 3 delle 4 combinazioni di erbe ha mostrato risultati positivi, la ricerca futura dovrebbe concentrarsi sul determinare se combinazioni di erbe sono altrettanto o più efficace della monoterapia così come perfezionare il tipo di erbe e dosaggi contenuti negli integratori di combinazione.

Combinazione integratori alimentari contenenti lisina o di magnesio inoltre sembrano promettenti come i trattamenti per i sintomi di ansia e disturbi. Entrambi RCT di L-lisina e combinazioni di L-arginina hanno dimostrato risultati positivi, fornendo una buona ma limitata evidenza della sua utilità come trattamento per l’ansia.

L’evidenza di magnesio è misto. Anche se tutti e tre gli studi randomizzati di integratori contenenti magnesio erano risultati positivi, magnesio monoterapia ha dimostrato di essere non è diverso rispetto al placebo [76], sollevando la questione se il magnesio fornisce alcun beneficio ansiolitici in combinazione o se i risultati sono stati basati sulle azioni di gli altri nutrienti / estratti di erbe. Tuttavia, questo studio è stato condotto in donne con ansia premestruale, piuttosto che un disturbo d’ansia. La ricerca futura dovrebbe concentrarsi su chiarire la modalità di magnesio di azione al fine di determinare se ha proprietà ansiolitiche e fornisce eventuali effetti sinergici in combinazione con altri agenti ansiolitici naturali.

Erbe medicinali occupano un posto importante nella storia della medicina, come la maggior parte dei nostri rimedi attuali, e la maggioranza di quelli da scoprire, in futuro, conterrà sostanze fitochimiche derivati ​​dalle piante. Mentre individuare i principi attivi di sostanze a base di erbe è fondamentale per essere in grado di produrre integratori efficaci, comprendere la quantità necessaria e la potenza di diversi modi di estrazione e preparazione dei phytochemicals è di vitale importanza per la creazione di una misura standard della loro efficacia. Inoltre, i pericoli del consumo eccessivo e le interazioni con i farmaci da prescrizione e over-the-counter farmaci devono essere ulteriormente analizzati. Questa comprensione delle norme per la preparazione efficace minimizza ulteriormente la probabilità di effetti collaterali da farmaci a base di erbe e contribuisce a creare un organo di indiscutibile di prove per la loro efficacia.

Elenco delle abbreviazioni

Scala Mood Aggettivo

Ansia indice di sensibilità

Beck Anxiety Inventory

Globale Fondazione Neuroscience Initiative

Riferimenti

  1. Kessler RC, Chiu WT, Demler O, Merikangas KR, Walters EE: La prevalenza, la gravità e comorbidità di 12 mesi disturbi del DSM-IV nella National Comorbidity Survey Replication. Arch Gen Psychiatry. 2005 62: 617-627. 10,1001 / archpsyc.62.6.617. Vedi l’articolo PubMed PubMed Central Google Scholar
  2. Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali. 2000 Washington D.C. American Psychiatric Association, 4
  3. Vogelzangs N, Seldenrijk A, Beekman AT, van Hout HP, de Jonge P, Penninx BW: Le malattie cardiovascolari in persone con disturbi depressivi e d’ansia. J Affect Disord.
  4. Natale D, Cappuccio S, Nutt D: Potenziale nuovi farmaci ansiolitici. Curr Pharm Des. 2008 14: 3534-3546. 10,2174 / 138.161.208.786,848775 millions. Vedi l’articolo PubMed Google Scholar
  5. D’Hulst C, Atack JR, Kooy RF: La complessità del recettore GABA forme profili farmacologici unici. Drug Discov oggi. 2009 14: 866-875. 10.1016 / j.drudis.2009.06.009. Vedi l’articolo PubMed Google Scholar
  6. Furmark T: aspetti neurobiologici del disturbo d’ansia sociale. Isr J Psychiatry Relat Sci. 2009 46: 5-12. PubMed Google Scholar
  7. Pallone D: Disturbi d’Ansia: una guida informativa. 2008 Toronto, Canada: Centro per le dipendenze e salute mentale Google Scholar
  8. Somers JM, Goldner EM, Waraich P, Hsu L: prevalenza e l’incidenza studi di disturbi d’ansia: una revisione sistematica della letteratura. Can J Psychiatry. 2006 51: 100-103. PubMed Google Scholar
  9. Davidson JR: Farmacoterapia del disturbo d’ansia generalizzato. J Clin Psychiatry. 2001 62: 46-50. 10,4088 / JCP.v62n0110. Vedi l’articolo PubMed Google Scholar
  10. Davidson JR: prima linea farmacoterapia approcci per il disturbo d’ansia generalizzato. J Clin Psychiatry. 2009 70: 25-31. 10,4088 / JCP.s.7002.05. Vedi l’articolo PubMed Google Scholar
  11. Cascade E, Kalali AH, Kennedy SH: Real-World dati su SSRI antidepressivi effetti collaterali. Psichiatria (Edgmont). 2009, 6: 16-18. Google Scholar
  12. Gunnell D, Saperia J, Ashby D: gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI) e suicidio negli adulti: meta-analisi dei dati aziendali farmaco rispetto al placebo controllato, studi clinici controllati randomizzati sottoposti a revisione di sicurezza della MHRA. BMJ. 2005, 330: 385-10,1136 / bmj.330.7488.385. Vedi l’articolo PubMed PubMed Central Google Scholar
  13. Sala WD, Lucke J: Come sono gli antidepressivi inibitori della ricaptazione della serotonina colpiti mortalità per suicidio. Aust N Z J Psychiatry. 2006 40: 941-950. Vedi l’articolo PubMed Google Scholar
  14. Hu XH, Bull SA, Hunkeler EM, Ming e, JY Lee, vigile del fuoco B, Markson LE: incidenza e la durata degli effetti collaterali e quelli classificati come fastidioso con trattamento selettivo inibitore della ricaptazione della serotonina per la depressione: rapporto del paziente contro il medico preventivo. J Clin Psychiatry. 2004 65: 959-965. 10,4088 / JCP.v65n0712. Vedi l’articolo PubMed Google Scholar
  15. Lader M, Tylee A, Donoghue J: Ritirare le benzodiazepine nelle cure primarie. CNS Drugs. 2009 23: 19-34. 10,2165 / 0023210-200923010-00002. Vedi l’articolo PubMed Google Scholar
  16. O’Brien CP: benzodiazepine uso, l’abuso e la dipendenza. J Clin Psychiatry. 2005 66: 28-33. 10,4088 / JCP.v66n0104. Vedi l’articolo PubMed Google Scholar
  17. Kinrys G, Coleman E, Rothstein E: I rimedi naturali per i disturbi d’ansia: uso potenziale e applicazioni cliniche. Premere ansia. 2009, 26: 259-265. 10.1002 / da.20460. Vedi l’articolo PubMed Google Scholar
  18. Garcia-Garcia P, Lopez-Munoz F, G Rubio, Martin-Agueda B, C Alamo: Fitoterapia e psichiatria: studio bibliometrica della letteratura scientifica degli ultimi 20 anni. Fitomedicina. 2008 15: 566-576. 10.1016 / j.phymed.2008.04.014. Vedi l’articolo PubMed Google Scholar
  19. Saeed SA, Bloch RM, Antonacci DJ: Supplementi di erbe e dietetici per il trattamento dei disturbi d’ansia. Sono Fam Physician. 2007 76: 549-556. PubMed Google Scholar
  20. Meeks TW, Wetherell JL, Irwin MR, Redwine LS, Jeste DV: Complementari e trattamenti alternativi per la depressione di fine vita, l’ansia e disturbi del sonno: una revisione di studi randomizzati e controllati. J Clin Psych. 2007 68: 1461-1471. 10,4088 / JCP.v68n1001. Vedi l’articolo Google Scholar
  21. Brown RP, Gerbarg PL: Erbe e nutrienti nel trattamento della depressione, ansia, insonnia, emicrania, e l’obesità. J Psychiatr Pract. 2001 7: 75-91. 10,1097 / 00131746-200103000-00002. Vedi l’articolo PubMed Google Scholar
  22. Settimane BS: formulazioni di integratori alimentari ed estratti di erbe per il relax e l’azione ansiolitica: Relarian. Med Sci Monit. 2009 15: RA256-262. PubMed Google Scholar
  23. Ross BM: Omega-3 acidi grassi polinsaturi e disturbi d’ansia. Prostaglandine Leukot Essent Fatty Acids. 2009 81: 309-312. 10.1016 / j.plefa.2009.10.004. Vedi l’articolo PubMed Google Scholar
  24. Geller SE, Studee L: integratori botanici e dietetici per l’umore e ansia nelle donne in menopausa. Menopausa. 2007 14: 541-549. 10,1097 / 01.gme.0000236934.43701.c5. Vedi l’articolo PubMed Google Scholar
  25. Cauffield JS, Forbes HJ: Gli integratori alimentari utilizzati nel trattamento dei disturbi della depressione, ansia e del sonno. Lippincotts Prim Cura Pract. 1999 3: 290-304. PubMed Google Scholar
  26. Dhawan K, Kumar R, Kumar S, Sharma A: La corretta identificazione degli Passiflora incarnata Linn. una promettente base di erbe ansiolitici e sedativi. J cibo Med. 2001 4: 137-144. 10,1089 / 109.662.001.753,16571 milioni. Vedi l’articolo PubMed Google Scholar
  27. Boeira JM, Fenner R, Betti AH, Provensi G, Lacerda LD, Barbosa PR, González FH, M CA, Driemeier D, Dall’alba MP, et al: tossicità e valutazione genotossicità di Passiflora alata Curtis (Passifloraceae). J Ethnopharmacol. 2010 128: 526-532. 10.1016 / j.jep.2009.09.037. Vedi l’articolo PubMed Google Scholar
  28. Deng J, Zhou Y, Bai M, Li H, Li L: ansiolitici e sedativi attività di Passiflora edulis f. flavicarpa. J Ethnopharmacol. 2010 128: 148-153. 10.1016 / j.jep.2009.12.043. Vedi l’articolo PubMed Google Scholar
  29. Masteikova R, Bernatoniene J, Bernatoniene R, Velziene S: attività antiradicalica di estratto di Passiflora incarnata. Acta Pol Pharm. 2008 65: 577-583. PubMed Google Scholar
  30. Dhawan K, Kumar S, Sharma A: studi anti-ansia su estratti di Passiflora incarnata Linneo. J Ethnopharmacol. 2001 78: 165-170. 10.1016 / S0378-8741 (01) 00.339-7. Vedi l’articolo PubMed Google Scholar
  31. Dhawan K, Kumar S, Sharma A: Comparative ansiolitico profilo di attività di varie preparazioni di Passiflora incarnata Linneo: un commento sulla standardizzazione piante medicinali. J Altern Complement Med. 2002 8: 283-291. 10,1089 / 10755530260127970. Vedi l’articolo PubMed Google Scholar
  32. Akhondzadeh S, Naghavi HR, Vazirian M, Shayeganpour A, Rashidi H, Khani M: Passiflora nel trattamento di ansia generalizzata: un pilota in doppio cieco randomizzato e controllato con oxazepam. J Clin Pharm Ther. 2001 26: 363-367. 10,1046 / j.1365-2710.2001.00367.x. Vedi l’articolo PubMed Google Scholar
  33. Movafegh A, Alizadeh R, Hajimohamadi F, Esfehani F, Nejatfar M: preoperatoria orale Passiflora incarnata riduce l’ansia nei pazienti sottoposti a chirurgia ambulatoriale: un doppio cieco, controllato con placebo. Anesth Analg. 2008 106: 1728-1732. 10,1213 / ane.0b013e318172c3f9. Vedi l’articolo PubMed Google Scholar
  34. Bourin M, Bougerol T, Guitton B, Broutin E: Una combinazione di estratti vegetali nel trattamento di pazienti ambulatoriali con disturbo dell’adattamento con umore ansioso: studio controllato verso placebo. Fondamentale. 1997 11: 127-132. 10.1111 / j.1472-8206.1997.tb00179.x. Vedi l’articolo Google Scholar
  35. Cawte J: sostanze psicoattive dei mari del sud: di betel, kava e pituri. Aust N Z J Psychiatry. 1985 19: 83-87. 10,3109 / 00048678509158818. Vedi l’articolo PubMed Google Scholar
  36. Singh YN: Kava: una visione d’insieme. J Ethnopharmacol. 1992 37: 13-45. 10.1016 / 0378-8741 (92) 90003-A. Vedi l’articolo PubMed Google Scholar
  37. Bruner NR, Anderson KG: discriminante-stimolo e tempo portate effetti di kava-kava (Piper methysticum) nei ratti. Pharmacol Biochem Behav. 2009 92: 297-303. 10.1016 / j.pbb.2008.12.017. Vedi l’articolo PubMed Google Scholar
  38. Garrett KM, Basmadjian G, Khan IA, Schaneberg BT, Seale TW: estratti di kava (Piper methysticum) inducono cambiamenti comportamentali ansiolitici come acute nei topi. Psychopharmacology (Berl). 2003 170: 33-41. 10.1007 / s00213-003-1520-0. Vedi l’articolo Google Scholar
  39. Singh YN, Singh NN: Potenziale terapeutico del kava nel trattamento dei disturbi d’ansia. CNS Drugs. 2002 16: 731-743. 10,2165 / 00023210-200216110-00002. Vedi l’articolo PubMed Google Scholar
  40. Dinh LD, Simmen U, Bueter KB, Bueter B, Lundstrom K, W Schaffner: L’interazione di varie cultivar methysticum Piper con i recettori del sistema nervoso centrale in vitro. Planta Med. 2001 67: 306-311. 10.1055 / s-2001-14334. Vedi l’articolo PubMed Google Scholar
  41. Yuan CS, Dey L, Wang A, Mehendale S, Xie JT, Aung HH, Ang Lee-MK: kavalattoni e dihydrokavain modulano l’attività GABAergica in un preparato gastrica-tronco cerebrale di ratto. Planta Med. 2002 68: 1092-1096. 10.1055 / s-2002-36338. Vedi l’articolo PubMed Google Scholar
  42. Volz HP, Kieser M: Kava-kava estratto WS 1490 rispetto al placebo nei disturbi d’ansia – a 25 settimane in pazienti ambulatoriali, controllato con placebo, randomizzato. Pharmacopsychiatry. 1997 30: 1-5. 10.1055 / s-2007-979474. Vedi l’articolo PubMed Google Scholar
  43. Boerner RJ, Sommer H, Berger W, Kuhn U, U Schmidt, Mannel M: Kava-Kava estratto LI 150 è efficace come opipramolo e buspirone nel disturbo d’ansia generalizzato – 8 settimane, randomizzato, in doppio cieco, multi-centro clinico sperimentazione in 129 pazienti esterni. Fitomedicina. 2003 10: 38-49. 10,1078 / 1433-187X-00309. Vedi l’articolo PubMed Google Scholar
  44. Watkins LL, K MC, J RD: Effetto di estratto di kava sul controllo cardiaco vagale nel disturbo d’ansia generalizzato: risultati preliminari. Journal of Psychopharmacology (Oxford, Inghilterra). 2001 15: 283-286. 10,1177 / 026988110101500407. Vedi l’articolo Google Scholar
  45. Malsch U, Kieser M: L’efficacia di kava-kava nel trattamento di ansia non psicotica, a seguito di pre-trattamento con benzodiazepine. Psychopharmacology (Berl). 2001 157: 277-283. 10.1007 / s002130100792. Vedi l’articolo Google Scholar
  46. Cagnacci A, S Arangino, Renzi A, Zanni AL, Malmusi S, Volpe A: amministrazione Kava-Kava riduce l’ansia nelle donne in perimenopausa. Maturitas. 2003 44: 103-109. 10.1016 / S0378-5122 (02) 00.317-1. Vedi l’articolo PubMed Google Scholar
  47. Sarris J, Kavanagh DJ, Byrne G, Osso KM, Adams J, Atto G: L’ansia Kava Depressione Spectrum Studio (KADSS): un trial di crossover controllato con placebo, randomizzato utilizzando un estratto acquoso di Piper methysticum. Psychopharmacology (Berl). 2009 205: 399-407. 10.1007 / s00213-009-1549-9. Vedi l’articolo Google Scholar
  48. Scherer J: estratto di Kava-kava nei disturbi d’ansia: uno studio osservazionale ambulatoriale. Progressi nella terapia. 1998 15: 261-269. PubMed Google Scholar
  49. Boerner RJ: Kava kava nel trattamento del disturbo d’ansia generalizzato, fobia semplice e specifico fobia sociale. Phytother Res. 2001 15: 646-647. 10.1002 / ptr.1006. Vedi l’articolo PubMed Google Scholar
  50. Gastpar M, Klimm HD: trattamento di ansia, tensione e stati di irrequietezza con Kava WS estratto speciale 1490 in medicina generale: uno studio randomizzato, controllato con placebo in doppio cieco studio multicentrico. Fitomedicina. 2003 10: 631-639. 10,1078 / 0944-7113-00369. Vedi l’articolo PubMed Google Scholar
  51. Sarris J, Kavanagh DJ, Atto G, Osso KM: erba di San Giovanni e Kava nel trattamento del disturbo depressivo maggiore con ansia comorbidità: uno studio pilota randomizzato in doppio cieco controllato con placebo. Hum Psychopharmacol. 2009 24: 41-48. 10.1002 / hup.994. Vedi l’articolo PubMed Google Scholar
  52. Connor KM, Davidson JR: Uno studio controllato con placebo di Kava kava nel disturbo d’ansia generalizzato. Int Clin Psychopharmacol. 2002, 17: 185-188. 10,1097 / 00004850-200207000-00005. Vedi l’articolo PubMed Google Scholar
  53. Jacobs BP, Bent S, Tice JA, Blackwell T, Cummings SR: Un randomizzato, controllato con placebo, basato su Internet di kava e valeriana per l’ansia e l’insonnia. Medicina. 2005 84: 197-207. 10,1097 / 01.md.0000172299.72364.95. Vedi l’articolo PubMed Google Scholar
  54. Consultivo dei consumatori: Kava contenenti integratori alimentari può essere associato con grave danno epatico. [Http://www.fda.gov/Food/ResourcesForYou/Consumers/ucm085482.htm]
  55. Teschke R, Schwarzenboek A, Akinci A: Kava epatotossicità: una visione europea. N Z Med J. 2008 121: 90-98. PubMed Google Scholar
  56. Linde K, Ramirez G, Mulrow CD, Pauls A, Weidenhammer W, Melchart D: erba di San Giovanni per la depressione – una panoramica e meta-analisi di studi clinici randomizzati. BMJ. 1996 313: Google Scholar
  57. Butterweck V: Meccanismo d’azione di erba di San Giovanni in depressione: ciò che è noto. CNS Drugs. 2003 17: 539-562. 10,2165 / 00023210-200317080-00001. Vedi l’articolo PubMed Google Scholar
  58. Woelk H: Confronto tra mosto e imipramina nel trattamento della depressione di San Giovanni: studio controllato randomizzato. BMJ. 2000 321: 536-539. 10.1136 / bmj.321.7260.536. Vedi l’articolo PubMed PubMed Central Google Scholar
  59. Kobak K, L Taylor, Bystrisky A, Kohlenberg CJ, Greist JH, Tucker P, Warner G, Futterer R, Vapnik T: iperico rispetto al placebo nel disturbo ossessivo-compulsivo: risultati di uno studio in doppio cieco. Int Clin Psychopharmacol. 2005 20: 299-304. 10,1097 / 00004850-200511000-00003. Vedi l’articolo PubMed Google Scholar
  60. Kobak K, L Taylor, Warnder G, Futterer R: iperico rispetto al placebo in fobia sociale: i risultati di uno studio pilota controllato con placebo. J Clin Psychopharmacol. 2005 25: 51-58. 10,1097 / 01.jcp.0000150227.61501.00. Vedi l’articolo PubMed Google Scholar
  61. Volz HP, Murck H, Kasper S, Moller HJ: estratto di iperico (LI 160) nei disturbi somatoformi: risultati di uno studio controllato con placebo. Psychopharmacology. 2002 164: 294-300. 10.1007 / s00213-002-1171-6. Vedi l’articolo PubMed Google Scholar
  62. Muller D, Pfeil T, von den Driesch V: Trattamento comorbidità depressione con ansia – risultati di uno studio aperto, orientato alla pratica con WS iperico 5572 ed estratto di valeriana in dosi elevate. Fitomedicina. 2003 10: 25-30. 10,1078 / 1433-187X-00305. Vedi l’articolo PubMed Google Scholar
  63. Taylor L, Kobak K: Uno studio in aperto di iperico (Hypericum perforatum) nel disturbo ossessivo-compulsivo. J Clin Psychiatry. 2000 61: 575-578. 10,4088 / JCP.v61n0806. Vedi l’articolo PubMed Google Scholar
  64. Huppert JD, Schultz LT, Foa EB, Barlow DH, Davidson JR, Gorman JM: risposta differenziale al placebo nei pazienti con fobia sociale, disturbo di panico e disturbo ossessivo-compulsivo. Am J Psychiatry. 2004 161: 1485-1487. 10,1176 / appi.ajp.161.8.1485. Vedi l’articolo PubMed Google Scholar
  65. Smriga M, Torii K: L-lisina si comporta come un parziale del recettore della serotonina 4 antagonista e inibisce patologie intestinali serotonina-mediata e l’ansia nei ratti. Proc Natl Acad Sci USA. 2003 100: 15.370-15.375. 10.1073 / pnas.2436556100. Vedi l’articolo PubMed PubMed Central Google Scholar
  66. Srinongkote S, M Smriga, Nakagawa K, Toride Y: Una dieta fortificato con L-lisina e L-arginina riduce il cortisolo plasmatico e blocca la risposta ansiogeno per il trasporto nei suini. Nutr Neurosci. 2003 6: 283-289. 10,1080 / 10284150310001614661. Vedi l’articolo PubMed Google Scholar
  67. Ježová D, Makatsori A, Smriga M, Y Morinaga, Duncko R: trattamento subcronica con la miscela di aminoacidi di L-lisina e L-arginina modifichi attivazione neuroendocrina durante lo stress psico-sociale nei soggetti con elevata tratto ansia. Nutr Neurosci. 2005 8: 155-160. 10,1080 / 10284150500162937. Vedi l’articolo PubMed Google Scholar
  68. Smriga M, Ando T, Akutsu M, Furukawa Y, Miwa K, Morinaga Y: il trattamento orale con L-lisina e L-arginina riduce l’ansia e livelli di cortisolo basali in soggetti sani. Biomed Res. 2007 28: 85-90. 10,2220 / biomedres.28.85. Vedi l’articolo PubMed Google Scholar
  69. Ježová D, Makatsori A, Duncko R, Monček F, Jakubek M: ansia alta tratto in soggetti sani è associato a bassa attività neuroendocrina durante lo stress psico-sociale. Prog Neuropsychopharmacol Biol Psychiatry. 2004 28: 1331-1336. 10.1016 / j.pnpbp.2004.08.005. Vedi l’articolo PubMed Google Scholar
  70. Abraham GE: fattori nutrizionali nella eziologia delle sindromi tensione premestruale. J Reprod Med. 1983 28: 446-464. PubMed Google Scholar
  71. Durlach J, Pages N, P Bac, Bara M, Guiet-Bara A: Importanza della deplezione di magnesio con ipofunzione dell’orologio biologico nella fisiopatologia di headhaches con fotofobia, la morte improvvisa del neonato e alcune forme cliniche della sclerosi multipla. Magnes Res. 2004 17: 314-326. PubMed Google Scholar
  72. Fromm L, Heath DL, Vink R, Nimmo AJ: Magnesio attenua post-traumatico depressione / ansia in seguito diffusa traumi cerebrali nei ratti. J Am Coll Nutr. 2004, 23: 529s-533S. Vedi l’articolo PubMed Google Scholar
  73. Tedesco-Fattal M, F Lecerf, Sabbagh F, P Maurois, Durlach J, Bac P: profilo genico neuroprotettivo nel cervello di topi di magnesio-carenti. Biomed Pharmacother. 2008, 62: 264-272. 10.1016 / j.biopha.2008.02.007. Vedi l’articolo PubMed Google Scholar
  74. Poleszak E, Szewczyk B, Kedzierska E, Wlaz P, Pilc A, Nowak G: Antidepressant- e attività ansiolitica-come il magnesio nei topi. Pharmacol Biochem Behav. 2004 78: 7-12. 10.1016 / j.pbb.2004.01.006. Vedi l’articolo PubMed Google Scholar
  75. Carroll D, anello C, Suter M, Willemsen G: Gli effetti di una combinazione multivitaminico orale con calcio, magnesio e zinco sul benessere psicologico in giovani sani volontari maschi: uno studio controllato con placebo in doppio cieco. Psychopharmacology (Berl). 2000 150: 220-225. 10.1007 / s002130000406. Vedi l’articolo Google Scholar
  76. De Souza MC, Walker AF, Robinson PA, Bolland K: Un effetto sinergico di un supplemento giornaliero per 1 mese di 200 mg di magnesio più 50 mg di vitamina B6 per il sollievo dei sintomi premestruali ansia legati: uno studio randomizzato, in doppio cieco, incrociato studia. J salute delle donne Gend Based Med. 2000 9: 131-139. 10,1089 / 152.460.900.318.623. Vedi l’articolo PubMed Google Scholar
  77. Hanus M, Lafon J, Mathieu M: doppio cieco, randomizzato, controllato con placebo per valutare l’efficacia e la sicurezza di una combinazione fissa contenente due estratti vegetali (Crataegus oxyacantha e Eschscholtzia californica) e magnesio nei disturbi d’ansia lieve-moderata . Curr Med Res Opin. 2004 20: 63-71. 10,1185 / 030079903125002603. Vedi l’articolo PubMed Google Scholar

Diritto d’autore

Questo articolo è pubblicato sotto licenza di BioMed Central Ltd. Questo è un articolo Open Access distribuito sotto i termini della Creative Commons Attribution License (http://creativecommons.org/licenses/by/2.0), che permette senza restrizioni l’uso, la distribuzione, e la riproduzione con qualsiasi mezzo, a condizione che l’opera originale sia correttamente citato.

Related posts

  • Integratori alimentari per l’artrosi …

    In questo articolo Che cosa è cartilagine? continuato. I proteoglicani: Questa sostanza è una combinazione di proteine ​​e zuccheri. I proteoglicani si intrecciano intorno e attraverso il collagene, permettendo la cartilagine di …

  • Valore nutrizionale e funzionale …

    Citazione astratta 22888664 [PubMed – indexed for MEDLINE] Articolo in russo. Related posts nutrizionali e di erbe integratori … I metodi astratti Sfondo Risultati Un totale di 24 studi che …

  • Qualità nutrizionale biologica …

    Barbabietole, cavoli, carote, sedano rapa, bietole, insalata di mais, indivia, cavoli, porri, lattuga, patate, radicchio, spinaci, rape Il contenuto di nutrienti della porzione di verdure di un menù giornaliero è stato stimato …

  • Cura lo stress, rimedi erboristici per lo stress e la depressione.

    Brightspark è il premier sicuro ed efficace, non-dipendenza, medicina naturale per controllare il comportamento iperattivo e disattenzione, naturalmente. Esso contiene 100% di ingredienti omeopatici in particolare …

  • Lo stress Care – Supplementi Inoltre, la cura dello stress.

    Molti studi hanno scoperto la prova definitiva dell’efficacia di StressCare in condizioni legate allo stress, come l’invecchiamento precoce, stanchezza, insonnia o squilibrio emotivo. StressCare è il …

  • Il valore nutritivo dei semi di zucca …

    Beh, penserei che sarebbe davvero passare attraverso digerito. Non sono né un esperto di semi di zucca, né il processo digestivo, ma ho visto semi di zucca, mangiato alcuni, e ho digerito …