Prezzi e predittori di recidiva …

Prezzi e predittori di recidiva ...

finalità

Questo studio ha esaminato i prezzi e predittori di 3 anni di remissione, e la successiva ricaduta di 16 anni, tra gli individui inizialmente trattati con disturbi da uso di alcol che non hanno ottenuto aiuto o che hanno partecipato a trattamento e / o alcolisti anonimi nel primo anno dopo aver riconosciuto il loro hanno bisogno di aiuto.

Progettazione e misure

Un campione di individui (n = 461) che ha avviato aiuto-seeking è stata rilevata al basale e 1 anno, 3 anni, 8 anni e 16 anni più tardi. I partecipanti hanno fornito informazioni sulla loro storia di vita di bere, funzionamento alcol-correlati e contesto di vita e di far fronte.

I risultati

Conclusioni

parole chiave: Alcolisti Anonimi, disturbo da uso di alcol, la ricaduta, la remissione, il trattamento

INTRODUZIONE

Vi è una notevole informazioni sui tassi di remissione a breve termine tra gli individui che sono stati trattati per disturbi da uso di alcol, ma molto meno si sa circa i tassi di remissione naturali prospetticamente accertate. Inoltre, abbiamo praticamente alcuna informazione circa i tassi di recidiva a seguito di remissione tra soggetti non trattati, o come si confronta con i tassi di recidiva a seguito di remissione tra gli individui trattati. Due importanti questioni connesse coinvolgono l’identificazione dei fattori predittivi di remissione a breve termine e la successiva ricaduta tra gli individui rimessi, e le specifiche di predittori differenziali di remissione e ricaduta per trattare contro soggetti non trattati.

Noi risolvere questi problemi qui in uno studio prospettico di 16 anni di individui inizialmente trattati con disturbi da uso di alcol e concentrarsi su quattro questioni:

Quali sono le a lungo termine (16 anni) i tassi di recidiva fra individui aiutato e non aiutato che ottengono la remissione a breve termine? Gli individui che trasferiscono senza ottenere aiuto hanno tassi di ricaduta più elevati rispetto le persone che trasferiscono dopo la partecipazione nel trattamento e / o AA?

Quali sono la storia demografica e la vita, alcol-correlati e contesto di vita e di coping predittori di remissione a breve termine; cosa differiscono tra gli individui che fanno rispetto a coloro che non ottengono aiuto nel primo anno dopo che avviano ricerca di aiuto?

Quali sono la storia demografica e la vita, alcol-correlati e contesto di vita e affrontare i predittori di ulteriore recidiva tra gli individui che raggiungono la remissione a breve termine; fanno questi predittori differiscono tra gli individui che fanno rispetto a coloro che non ottengono aiuto nel primo anno dopo che avviano ricerca di aiuto?

I tassi di remissione a breve termine e la successiva ricaduta

Tra individui trattati, remissione breve termine variano tra il 20 e il 50%, a seconda della gravità del disturbo e dei criteri di remissione [1, 2]. Gli studi iniziali hanno suggerito che tra il 5 e il 45% dei soggetti non trattati con disturbi da uso di alcol può ottenere qualche miglioramento o la remissione [3, 4]. Studi successivi stimati remissione non trattato variano da 50 al 80% o più, a seconda della gravità dei problemi alcol. Tuttavia, questi studi si sono concentrati principalmente sulla popolazione generale o campioni di media-assunto; vale a dire, su individui che non avevano avviato ricerca di aiuto e che possono aver avuto meno gravi e problemi ancora non riconosciuti [5, 6].

Molto meno attenzione è stata rivolta alla ricaduta tassi tra le persone che raggiungono la remissione a breve termine. In campioni trattati, i tassi di recidiva stimato di lungo periodo hanno variato tra il 20 e l’80% [9, 10]. Tuttavia, per quanto sappiamo non ci sono informazioni sui potenziali tassi di ricaduta per le persone che raggiungono la remissione a breve termine senza ottenere aiuto. In precedenti lavori sul campione ci concentriamo su qui, ottenere aiuto in tempi relativamente brevi è stato associato a più miglioramento modelli di consumo e di problemi [11]. Qui, mettiamo a confronto i tassi di remissione a 3 anni e successive tassi di recidiva a 16 anni per gli individui che hanno fatto rispetto a quelli che non entrano trattamento o Alcolisti Anonimi (AA) nel primo anno dopo aver chiesto aiuto. Abbiamo anche stimare la proporzione di individui che non ottengono aiuto nel primo anno, ma entrano trattamento o AA in seguito, ed esamina se ottenere aiuto incide sulla loro tassi di remissione o recidiva.

Predittori di remissione a breve termine

Tre serie di fattori che sono stati associati con la remissione a breve termine tra gli individui trattati e non trattati: (1) i fattori storia demografica e la vita, (2) i modelli di consumo e relativi indici di funzionamento e (3) contesto di vita e gli indici di coping.

Fattori storia demografica e di vita

i modelli di consumo e relativi indici di funzionamento

Tra due individui trattati e non trattati, più frequenti e più pesante consumo di alcol e problemi di alcolismo più psicologici e sociali sono associati ad una minore probabilità di remissione [3, 13, 16]. Al contrario, l’auto-efficacia di resistere consumo di alcol in situazioni ad alto rischio è associato ad una maggiore probabilità di remissione [20 -22]. Rispetto alle persone che trasferiscono con l’aiuto, quelli che rinviare senza aiuto tendono a consumare meno alcool e di avere meno gravi problemi di alcolismo [23, 24].

contesto di vita e di coping

Maggiori risorse sociali, in particolare i rapporti di appoggio con i familiari e gli amici, sono associati sia con remissione trattati e non trattati [15, 25, 26]. Più affidamento su un approccio di coping e meno sulla prevenzione affrontare anche è legata ad una maggiore probabilità di remissione [27 -29]. Inoltre, rispetto agli individui che trasferiscono con l’aiuto, quelli che rinviare senza aiuto tendono ad avere relazioni familiari più sostegno e di fare meno affidamento su di evitare di coping [20, 30].

Nelle analisi precedenti sulla base di questo esempio, abbiamo identificato i predittori basali di generale non remissione di 1 anno [31]. Qui, ci concentriamo separatamente su gruppi di individui che hanno fatto rispetto a quelli che non hanno ottenuto aiuto e esaminano predittori basali di remissione di 3 anni e potenziali predittori differenziali di remissione in questi due gruppi.

Predittori di recidiva tra gli individui rimessi

Tra gli individui trattati, i problemi più gravi connessi con l’alcol e sintomi depressivi, la mancanza di auto-efficacia e scarse capacità di coping sono stati associati con una ricaduta a breve termine [36 -39]. In generale, questi predittori sono coerenti con Marlatt Gordon [40] il modello di ricaduta, che si concentra sul ruolo di bassa auto-efficacia e la mancanza di capacità di coping efficaci come fattori di rischio per recidiva.

Nelle analisi precedenti sulla base di questo esempio, abbiamo identificato i fattori di rischio di 1 anno per la complessiva non remissione di 8 anni [31]. Qui, ci concentriamo separatamente su gruppi di individui che hanno raggiunto la remissione di 3 anni, con o senza l’aiuto e, tra questi individui rimessi, esaminare predittori complessivi di ricaduta di 16 anni e potenziali predittori differenziali nei due gruppi.

METODI

Campione e procedura

I 461 soggetti sono stati divisi quasi equamente tra le donne (50,3%) e uomini (49,7%). La maggior parte erano Caucasica (80,0%), non sposata (76,4%) e disoccupati (55,7%). In media, al basale, questi individui erano nella loro metà degli anni ’30 (media = 33,5; DS = 8.8) e aveva 13 anni di istruzione (media = 13,1; DS = 2,2) e un reddito annuo di $ 12 800. Hanno consumato una media di 12,5 once di etanolo (SD = 11.2) su una tipica giornata a bere, sono stati intossicati in una media di 13,0 giorni (DS = 10,8) nell’ultimo mese e ha avuto una media di 5.0 sintomi di dipendenza (SD = 2.9) e 4.8 problemi di alcolismo (SD = 2.4). Queste caratteristiche sono sostanzialmente paragonabili a quelle delle persone in trattamento per i disturbi da uso di alcol nei programmi finanziati con fondi pubblici nella zona geografica locale, salvo che il presente campione è più giovane, un po ‘più istruiti e ha una maggiore percentuale di caucasici e donne.

Ad ogni follow-up, i partecipanti è stato chiesto anche se non avevano ottenuto un trattamento professionale per i loro problemi di alcol o avevano partecipato a AA in qualsiasi momento, da quando hanno completato l’ultimo di follow-up. Abbiamo diviso i 461 partecipanti in due gruppi sulla base della loro ricerca di aiuto nel primo anno: (1) il gruppo senza aiuto (n = 99) è stata composta di individui che non è entrato trattamento o AA; e (2) il gruppo ha aiutato (n = 362) è stata composta di individui che hanno partecipato a trattamento e / o AA. Di questi individui, 89 hanno partecipato solo in AA e 273 trattamento ottenuti (con o senza AA). Gli individui che hanno partecipato solo in AA e coloro che sono entrati trattamento erano paragonabili al basale e ha raggiunto 3 anni e 16 anni i tassi di remissione comparabili; di conseguenza, questi due gruppi sono stati combinati [42].

Provvedimenti

Oltre ad ottenere informazioni storia demografica e la vita, abbiamo valutato gli intervistati potabile modelli e problemi, funzionamento psicosociale e contesto di vita e fattori di coping al basale e ogni follow-up. Abbiamo chiesto ai partecipanti circa l’età in primo luogo riconosciuto il loro problema con l’alcol, problemi di alcolismo di vita in tempo, sulla base di 27 elementi che riflettevano diagnostico e statistico Versione manuale III sintomi di abuso di alcol e dipendenza (rivisto) (DSM-III-R) (alpha = 0.94 [43]), e se avevano precedentemente cercato di ridurre il bere.

Bere modelli e problemi

Un indice di problemi di alcolismo attuali è stato redatto dalla salute e Daily Living forma (HDL [44]). Gli intervistati valutato la frequenza (su una scala di cinque punti che varia da 0 = mai a 4 = spesso) negli ultimi 6 mesi avevano vissuto ciascuno dei nove problemi (ad esempio con la salute, il lavoro, i soldi, gli argomenti della famiglia) come risultato di bere (alpha al basale = 0.80). Collaterali ed i partecipanti hanno mostrato un accordo significativo al basale su questo indice [41]. Inoltre, abbiamo chiesto ai partecipanti sul fatto che essi pensavano di avere un significativo problema con l’alcol, come valutato su una scala di cinque punti da nessun problema a problema serio.

funzionamento psicosociale

Auto-efficacia o la fiducia di resistere il consumo di alcol è stata valutata con 10 elementi (alfa al basale = 0,93) adattati dalla fiducia Situational questionario [45]. Per gli aspetti inerenti le situazioni che coinvolgono le emozioni negative e positive, conflitti interpersonali e collaudo quelli autocontrollo. Ogni elemento è stato valutato su una scala di variare sei punti da niente affatto sicuri di molto fiducioso; gli individui hanno ricevuto un punteggio di 1 per ogni elemento che valutato come molto fiducioso.

piano di analitica

Per identificare i predittori di 16 anni di ricaduta tra gli individui inizialmente rimessi, abbiamo condotto ANOVA a due vie per esaminare le differenze di indici di follow-up demografiche, storia di vita e di 3 anni tra gli individui nei aiutato contro gruppi di aiuto e stabilmente rimessi e recidiva individui . Inoltre, abbiamo esaminato le interazioni tra lo stato di aiuto e gruppi di stato di ricaduta.

Abbiamo anche condotto correlazione parziale e analisi di regressione logistica, il controllo di aiuto gruppo, per identificare i predittori indipendenti di 3 anni di remissione e di 16 anni di ricaduta tra gli individui inizialmente rimesse. Abbiamo usato un modello di regressione a base di stima [48] e le informazioni rispetto al basale e completato il follow-up per imputare valori mancanti; come osservato in precedenza, oltre il 90% dei partecipanti completata almeno due dei quattro follow-up.

RISULTATI

I tassi di remissione a breve termine e la successiva ricaduta

A 3 anni di follow-up, il 62,4% degli individui nel gruppo ha aiutato è stato rimesso, rispetto a solo il 43,4% degli individui nel gruppo nessun aiuto (2 = 11.54; df = 1; P 0.01). Nel gruppo di nessun aiuto, la percentuale di remissione (23,3%) e (35,7%) soggetti non rimessi che ritardato ingresso, ma poi ha partecipato a trattamento e / o AA negli anni 2 e 3 non hanno mostrato differenze significative (2 = 2.79; df = 1; NS). Allo stesso modo, nel gruppo ha aiutato, non vi era alcuna differenza significativa nella percentuale di remissione (63,3%) e gli individui non rimessi (62,5%) che sono stati coinvolti nel trattamento e / o AA in anni 2 e 3 (2 1; df = 1; NS). Così, la ricezione di trattamento o AA successivo al primo anno non era associata a remissione.

Predittori di remissione a breve termine

Demografica e la vita della storia, funzionamento alcol-correlati, e il contesto sociale e indici di coping al basale per la Guida e 3 anni i gruppi di remissione.

Ci sono state alcune interazioni tra i gruppi di aiuto e le variabili di base a predire remissione (Tabella 1). problemi meno gravi (meno problemi bere attuali e meno eventi di vita negativi) e le competenze di coping (meno di evitare di coping e bere per ridurre la tensione) erano più predittivi di remissione in nessun aiuto rispetto al gruppo aiutato. Inoltre, rispetto agli individui che rimessi con l’aiuto, le persone che rimessi senza l’aiuto ha avuto meno problemi o più risorse su ciascuno di questi indici.

Predittori di recidiva dopo la remissione

Demografica e la vita della storia, funzionamento alcol-correlati, e il contesto sociale e indici di coping a 3 anni di follow-up per la guida ei 16 anni gruppi di ricaduta.

C’erano due interazioni significative: nel gruppo di aiuto, rispetto ai soggetti che sono rimasti sgravio, gli individui che hanno mostrato recidive hanno avuto problemi di alcolismo meno la vita in tempo e sono stati meno probabile che hanno cercato di ridurre il loro bere prima. Nel gruppo di nessun aiuto, rispetto ai soggetti rimessi, gli individui recidiva ha avuto un po ‘più problemi di alcolismo e avevano una maggiore probabilità di avere in precedenza cercato di ridurre il loro bere.

Predittori indipendenti di remissione di 3 anni e la recidiva dopo la remissione

Per identificare i predittori indipendenti di remissione, abbiamo condotto analisi di regressione logistica utilizzando lo stato di aiuto del gruppo e gli indici significativamente associato con la remissione di 3 anni come predittori (vedi tabella 1). Il sesso femminile, l’età avanzata e meno dipendenza da bere per ridurre la tensione erano predittori indipendenti e rappresentano il 12% della varianza in remissione (tabella 3). Il controllo per o meno di individui ottenuti qualche aiuto (trattamento e / o AA) in anni 2 e 3 non ha modificato questi risultati.

funzionamento connessi con l’alcol e il contesto sociale e di coping predittori di 3 anni di remissione (n = 461) e di 16 anni di recidiva (n = 276).

Per scoprire come ben 16 anni di ricaduta potrebbe essere previsto, abbiamo costruito un rischio per l’indice ricaduta sulla base dei quattro fattori di rischio identificati nella regressione. Come mostrato in Fig. 1. soggetti rimessi senza fattori di rischio avevano una probabilità del 22% di recidiva. La probabilità di recidiva è salito al 45% per gli individui con un fattore di rischio, il 70% per gli individui con due fattori di rischio e 86% per le persone con tre o quattro fattori di rischio.

DISCUSSIONE

I tassi di remissione e di recidiva

Rispetto ai soggetti in remissione dopo aver ottenuto l’aiuto, le persone che rimessi senza aiuto sono più probabilità di ricaduta in seguito e, infatti, il tasso di recidiva tra questi individui è stata del 60%. Questo è paragonabile a ma un po ‘superiore al tasso del 50% Klingemann Aeberhard [50] identificato nel 7- e 14 anni di follow-up di individui rimesso non trattati con disturbi da uso di alcol. Questi risultati indicano che i tassi di remissione identificati in studi trasversali di soggetti non trattati devono essere valutati con cautela. Il tasso di recidiva di poco superiore al 40% per le persone che avevano ottenuto aiuto e inizialmente rimessi è coerente con le stime precedenti di tassi di ricaduta nei campioni trattati [9, 10]. Nel complesso, le persone che riconoscono di avere un problema di uso di alcol e di avviare l’aiuto in cerca, ma non ottenere aiuto rapidamente sono a un doppio svantaggio: sono meno probabilità di raggiungere la remissione e, remissione una volta aver raggiunto, possono essere più probabilità di ricaduta.

Predittori di remissione a breve termine

Rispetto alle persone che rimessi con l’aiuto, le persone che rimessi senza l’aiuto sperimentato un minor numero di problemi di corrente potabile ed eventi di vita negativi e contato meno sulla prevenzione coping e bere per ridurre la tensione. Questi risultati sono coerenti con l’idea che gli individui che migliorano senza l’aiuto formale dispongono di risorse più personali e meno deficit connessi con l’alcol, e che il trattamento professionale e / o AA possono fornire una fonte di compensazione di sostegno per le persone che non hanno il capitale sociale [18, 19 , 23].

Predittori di recidiva dopo la remissione

Rispetto ai soggetti continuamente rimessi, quattro principali fattori di rischio caratterizzate individui inizialmente rimessi che in seguito recidiva: meno istruzione e una minore probabilità di stato impiegato, problemi di alcolismo più vita-time e un consumo più frequente di alcol quando rimessi. Un punteggio fattore di rischio composto da questi indicatori potrebbe servire come un segnale di avvertimento precoce del potenziale di ricaduta dopo la remissione e forse innescare la cura continua di prevenzione o più intenso. Gli individui che recidiva erano anche meno probabilità di vedere loro bere come un problema significativo, hanno riportato meno auto-efficacia e contato di più a bere per ridurre la tensione. Allo stesso modo, in precedenti studi di individui trattati e non trattati, un minor numero di risorse personali, come la mancanza di auto-efficacia e capacità di coping, sono stati associati con recidiva [21, 36 -38]. Questi risultati supportano l’idea che la probabilità di ricaduta aumenta in assenza di risorse personali e sociali che rispecchiano fattori di manutenzione per la remissione stabile [18, 34, 35].

Limitazioni e direzioni future

Alcuni limiti di questo lavoro dovrebbe essere notato. Abbiamo condotto uno studio naturalistico in cui gli individui selfselected in trattamento e AA. Così, in parte, i benefici di aiuto che abbiamo identificato sono causa di auto-selezione e la motivazione per ottenere aiuto, così come per l’aiuto all’ottenimento di per sé. Abbiamo inoltre concentrati su soggetti che avevano già riconosciuto i loro problemi alcol correlati e avviato una ricerca di aiuto. Di conseguenza, i nostri risultati su minore remissione e più alti tassi di recidiva tra le persone che non ottengono rapidamente aiuto non può generalizzare a persone che hanno problemi alcol-correlati, ma non hanno cercato aiuto. Questi individui possono avere problemi meno gravi e / o maggiori risorse personali e sociali che possano aiutarli a iniziare e sostenere il recupero naturale.

Le nostre scoperte sui benefici di relativamente rapida entrata in trattamento e / o supporto AA il valore di rafforzare il processo di riferimento per le persone che riconoscono i loro problemi di alcol e avviano ricerca di aiuto. La valutazione di aiuto in cerca di motivazione e la disponibilità al cambiamento può aiutare a indirizzare gli individui ad alto rischio per gli interventi per migliorare e mantenere la partecipazione al trattamento [57]. Inoltre, l’identificazione dei fattori di rischio di recidiva dopo la remissione o trattati o non trattati può aiutare i fornitori di indirizzare gli sforzi di prevenzione terziaria.

Una priorità per la ricerca futura è quello di scoprire perché gli individui che riconoscono i loro problemi di alcol e avviano aiuto cerca di non ottenere aiuto tempestivo. L’accesso alla convenienti, a bassa intensità interventi [58] potrebbe migliorare il processo di auto-cambiamento e consentire a tali individui di raggiungere e mantenere la remissione. Altre questioni da affrontare comprendono un esame più attento del ruolo di precedenti tentativi di auto-cambiamento nella ricerca di aiuto e il processo di remissione / recidive, e chiarire se gli individui attribuzioni circa innescare e manutenzione fattori per la ricerca di aiuto e ridotto consumo di alcol giocare più di un ruolo epifenomeno in remissione trattati e naturale.

Ringraziamenti

Riferimenti

1. Miller WR, Walters ST, Bennett ME. Quanto è efficace trattamento dell’alcolismo negli Stati Uniti? J Stud Alcohol. 2001; 62: 211-20. [PubMed]

2. Monahan S, Finney J. Spiegando i tassi di astinenza dopo il trattamento per abuso di alcol. Una sintesi quantitativa del paziente, disegno di ricerca, e gli effetti del trattamento. Dipendenza. 1996; 91: 787-805. [PubMed]

3. Armatura DJ, Meshkoff JE. Remissione tra gli alcolisti trattati e non trattati. Adv Subst Abuse. 1983; 3: 239-69.

4. Roizen R, Cahalan D, Shanks P. remissione spontanea tra i bevitori problematici non trattati. In: Kandel DB, editore. ricerca longitudinale sul consumo di stupefacenti: risultati empirici e questioni metodologiche. Washington, DC: Emisfero; 1978. pp. 197-221.

5. Blomqvist J. Percorsi di recupero da abuso di sostanze. cambiamento di stile di vita e il ruolo del trattamento. Subst Uso L’uso improprio. 1996; 31: 1807-1852. [PubMed]

6. Cunningham JA. Risolvere i problemi alcol-correlati con e senza trattamento: gli effetti dei diversi criteri di problema. J Stud Alcohol. 1999; 60: 463-6. [PubMed]

9. Finney J, Moos R, Timko C. Il corso di disturbi da uso di sostanze trattati e non trattati: la remissione e la risoluzione, la recidiva e la mortalità. In: McCrady B, Epstein E, redattori. Dipendenze: una guida completa. New York: Oxford University Press; 1999. pp. 30-49.

10. Jin H, Rourke SB, Patterson TL, Taylor MJ, Grant I. Predittori di recidiva negli alcolisti astinenti a lungo termine. J Stud Alcohol. 1998; 59: 640-6. [PubMed]

12. Jarvis TJ. Implicazioni di genere per la ricerca di trattamento di alcol: una revisione quantitativa e qualitativa. Br J Addict. 1992; 87: 1249-1261. [PubMed]

15. Bischof G, Rumpf HJ, Hapke U, Meyer C, Fattori che influenzano John U. remissione dalla dipendenza da alcol senza aiuto formale in un campione rappresentativo della popolazione. Dipendenza. 2001; 96: 1327-1336. [PubMed]

16. Booth BM, Curran GM, Han X. Predittori di corso a breve termine del bere in trattati bevitori rurali e urbane a rischio: gli effetti di genere, l’uso di droghe illegali, e comorbidità psichiatrica. J Stud Alcohol. 2004; 65: 63-73. [PubMed]

17. Tucker JA, Vuchinich RE, Gladsjo JA. eventi ambientali che circondano il recupero naturale da problemi alcol-correlati. J Stud Alcohol. 1994; 55: 401-11. [PubMed]

18. Blomqvist J. trattata e non trattata recupero da abuso di alcol: influenze ambientali e le ragioni percepite per il cambiamento. Subst Uso L’uso improprio. 1999; 34: 1371-406. [PubMed]

20. Russell M, Peirce RS, Chan AW, Wieczorek WF, Moscato BS, Nochajski TH. recupero naturale in un campione basato sulla comunità di alcolisti: disegno dello studio e dati descrittivi. Subst Uso L’uso improprio. 2001; 36: 1417-1441. [PubMed]

21. Rychtarik RG, Prue DM, Rapp SR, re AC. L’auto-efficacia, post-terapia, e la ricaduta in un programma di trattamento per alcolisti. J Stud Alcohol. 1992; 53: 435-40. [PubMed]

23. Cunningham JA, Lin E, Ross HE, Walsh GW. I fattori associati con remissioni non trattati provenienti da abuso di alcol o di dipendenza. Addict Behav. 2000; 25: 317-21. [PubMed]

24. Sobell LC, Sobell MB, Toneatto T. recupero da problemi di alcol senza trattamento. In: Heather N, N Miller, Greeley J, redattori. controllo di sé e dei comportamenti di dipendenza. New York: Maxwell Macmillan; 1992. pp. 99-242.

25. Gordon AJ, reti Zrull M. sociali e di recupero: un anno dopo il trattamento ospedaliero. J Subst Abuse Treat. 1991; 8: 143-52. [PubMed]

30. Bischof G, Rumpf HJ, Hapke U, Meyer C, John U. remissione dalla dipendenza da alcol senza aiuto: come restrittive dovrebbero nostra definizione di trattamento essere? J Stud Alcohol. 2002; 63: 229-36. [PubMed]

31. Moos R, I fattori di rischio Moos B. Per nonremission tra gli individui inizialmente trattati con disturbi da uso di alcol. J Stud Alcohol. 2003; 64: 555-63. [PubMed]

32. Re MP, Tucker JA. risoluzione naturale di problemi di alcol senza trattamento: contesti ambientali che circondano l’avvio e il mantenimento dell’astinenza stabili o di bere con moderazione. Addict Behav. 1998; 23: 537-41. [PubMed]

33. Rumpf HJ, Bischof G, Hapke U, Meyer C, John U. Il ruolo della famiglia e del partenariato nel recupero da dipendenza da alcol: confronto tra individui remittente con e senza l’aiuto formale. Eur Addict Res. 2002; 8: 122-7. [PubMed]

34. Tuchfeld BS. remissione spontanea negli alcolisti: osservazioni empiriche e implicazioni teoriche. J Stud Alcohol. 1981; 42: 626-41. [PubMed]

36. Brown SA, Vik PW, Patterson TL, Grant io, Schuckit MA. Lo stress, la vulnerabilità e l’alcol ricaduta. J Stud Alcohol. 1995; 56: 538-45. [PubMed]

37. Connors GJ, Maisto SA, Zywiak WH. Capire ricaduta nel contesto più ampio di funzionamento post-trattamento. Dipendenza. 1996; 91: S173-89. [PubMed]

38. Miller WR, Westerberg VS, Harris RJ, Tonigan JS. Che prevede una ricaduta? Prospective sperimentazione di modelli antecedenti. Dipendenza. 1996; 91: S155-71. [PubMed]

39. Yates WR, Booth BM, Reed DA, Brown K, Masterson BJ. validità descrittiva e predittiva di un modello di alcolismo ricaduta ad alto rischio. J Stud Alcohol. 1993; 54: 645-51. [PubMed]

40. Marlatt GA, Gordon JR, redattori. prevenzione delle ricadute. New York: Guilford Press; 1985.

41. Finney J, Moos R. che entrano in terapia per abuso di alcol: uno stress e far fronte modello. Dipendenza. 1995; 90: 1223-1240. [PubMed]

42. Moos R, Moos B. Sedici anni di cambiamenti e di remissione stabile tra gli individui trattati e non trattati con disturbi da uso di alcol. Drug Alcohol Depend. in stampa. [PubMed]

43. Schutte K, K Nichols, Brennan P, Moos R. A 10 anni di follow-up di anziani ex-bevitori problematici: il rischio di recidiva e implicazioni di remissione sostenuta con successo. J Stud Alcohol. 2003; 64: 367-74. [PubMed]

44. Moos R, R Cronkite, Finney J. Salute e manuale modulo vita quotidiana. 2. Palo Alto, CA: Mente giardino; 1992.

45. Annis HM, Graham JM. gli utenti fiducia questionario situazionali guida. Toronto: Fondazione Addiction Research; 1988.

46. ​​Moos R, Moos B. stress della vita e risorse sociali inventario: adulto manuale modulo. Odessa, FL: Psychological Assessment Resources; 1994.

47. R. Moos risposte di coping inventario: adulto manuale modulo. Odessa, FL: Psychological Assessment Resources; 1993.

48. Hill M. SPSS analisi del valore mancante, versione 7.5. Chicago, IL: SPSS; 1997.

50. Klingemann H, Aeberhard M. Biographie und suchtkarrieren 1988; 2002. Longitudinale fallanalysen von alcol-und heroinselbstheiler / innen und -heilern. [[Biografie e carriere dipendenza 1988; 2002. caso Longitudanal analisi su auto-guaritori maschi e femmine]]. Abhaengigkeiten. 2004; 2: 52-63.

53. Granfield R, contesto Nube W. sociale e naturale di recupero: il ruolo del capitale sociale nella risoluzione dei problemi di droga associata. Subst Uso L’uso improprio. 2001; 36: 1543-1570. [PubMed]

54. Babor TF, Stephens RS, Marlatt A. verbali metodi di rapporto nella ricerca clinica su alcolismo: pregiudizi risposta e la sua riduzione al minimo. J Stud Alcohol. 1987; 48: 410-24. [PubMed]

56. Gladsjo JA, Tucker JA, Hawkins JL, Vuchinich RE. Adeguatezza di richiamo di modelli di consumo e le ricorrenze di eventi connessi con il recupero naturale da problemi di alcol. Addict Behav. 1992; 17: 347-58. [PubMed]

57. Marlowe DB, Merikle EP, Kirby KC, Festinger DS, McLellan AT. valutazione multidimensionale delle pressioni treatmententry percepite tra i tossicodipendenti. Psychol Addict Behav. 2001; 15: 97-108. [PubMed]

58. Sobell LC, Sobell MB, Leo GI, Agrawal S, Johnson-Young L, Cunningham JA. Promuovere l’auto-cambio con gli alcolisti: un intervento di posta elettronica a livello comunitario sulla base di studi di recupero naturali. L’alcol Clin Exp Res. 2002; 26: 936-48. [PubMed]

Related posts

  • Prevenzione Droga e alcol recidiva …

    Chiamata 1-888-319-2606 per parlare con un rappresentante del supporto trattamento sui programmi di ricaduta e di recupero per droga e alcool. La tossicodipendenza ha psicologico e fisiologico …

  • I tassi di sopravvivenza cancro al pancreas …

    I tassi di sopravvivenza ti dicono quale parte di persone con lo stesso tipo e dallo stadio del tumore sono ancora in vita un certo periodo di tempo (di solito 5 anni) dopo che sono stati diagnosticati. Non si può dire …

  • i tassi di sopravvivenza poveri non-Hodgkin …

    “Non sappiamo il motivo per cui questo è il caso, ma suggerisce l’alcol può avere impatti diversi sullo sviluppo contro sopravvivenza linfoma non-Hodgkin, e questo merita ulteriori ricerche” Per esempio, …

  • Recidivante e refrattario, linfoma ricaduta.

    Alcuni pazienti hanno ancora tutte le cellule nel loro midollo osseo dopo il trattamento. Questo è chiamato leucemia refrattaria. Alcuni pazienti hanno un ritorno di tutte le cellule nel midollo e una diminuzione della normale …

  • Predittori di sopravvivenza nei pazienti …

    Estratto Livello di evidenza: Livello IV, studio prognostico. per gli autori per una descrizione completa dei livelli di evidenza vedere le Linee Guida. Introduzione Diversi studi recenti suggeriscono un …

  • Piani di prevenzione delle ricadute per la sostanza …

    1-800-315-2391 | 7 aprile Olistico Addiction Treatment Center è specializzata in un abuso di sostanze piano di prevenzione delle ricadute che ha dimostrato di avere successo nella fornitura di costruzione di competenze di vita che …